Aree tematiche

Castro

La litoranea che conduce sino a Leuca divide il borgo in due parti: nella zona alta c'è Castro Superiore, la parte antica della città, con le sue alte mura medioevali; più in basso, posta su un insenatura della roccia se ne sta placida a vegliare sul mare Castro Marina. Qui è ancora intatto il borgo antico dei pescatori; è ancor oggi possibile ammirare nei pressi del porto delle caratteristiche grotticelle adibite a magazzino proprio dai pescatori.

Castro nel periodo viene presa d'assalto da folle di turisti attratti da un mare cristallino e da una costa esclusivamente rocciosa che regala uno degli scenari più incantati di Puglia.

Cenni storici

Se ne fanno risalire le origini ai Cretesi ed ai Greci. Il nome deriva dal latino e sta ad indicare una fortezza. Patì nel volgere dei secoli numerose incursioni e subì varie dominazioni: romana, vandalica, gotica, longobarda, bizantina e saracena. Nel periodo Romano la città era conosciuta come Castra Minervae.

Divenne sede arcivescovile nel 1179 e vi rimase fino al 1537. Durante il cinquecento furono erette le mura difensive, ancor oggi ben visibili, a protezione della frequenti incursioni piratesche e dei turchi ottomani.

In epoca normanna appartenne a Tancredi d'AItavilla; passò successivamente ai Bielotto, ai de Franco, ai de Bugiaco, agli Orsini del Balzo, ai della Posta, ai Gattinara, ai de Castro, ai de Zunica ed infine alla famiglia Rossi che ne conservò la signoria sino alla soppressione della feudalità nel 1806.

Di rilevante importanza è il castello, eretto nel 1572 sui ruderi dell'antica rocca romana; degna di nota è altresì l'ex Cattedrale, la quale ospita sculture in stile romanico ed è adorna di dipinti di scuola salentina. Ma il gioiello di Castro, anzi più precisamente di Castro Marina, è indubbiamente la spettacolare Grotta della Zinzulusa, in quanto costituisce una importantissima testimonianza dell'età preistorica, e forse, a detta di alcuni illustri paleontologi, la più remota dimora dell'uomo in Europa, come attestato da molti manufatti litici e dai resti di animali preistorici ivi rinvenuti.

Essa ha una estensione in lunghezza di circa 150 metri, offre al suo interno al visitatore il "Corridoio delle Meraviglie", adorno di un gran numero di stalattiti e stalagmiti che presentano una infinita varietà di forme e dimensioni, e termina nel cosiddetto "Duomo".

Statistiche

Popolazione: abitanti 2.557

Altitudine: metri s.l.m. 98

Superficie territoriale: Kmq. 3,30

C.A.P.: 73030

Frazioni: Castro Marina

Feste e sagre

10-12 agosto - Festa della Madonna di Pompei.
terza domenica di agosto - Sagra del pesce "a sarsa".

Copyright © 2009 Otranto Point